Paralisi facciale di bell acuta: cosa fare e cosa non fare per guarire

Aggiornamento: 17 feb

Molto spesso i pazienti mi dicono che quando si verifica una paralisi facciale, è molto difficile trovare informazioni.

Le informazioni sono spesso frammentarie e controverse. Per questo ho deciso di condividere con voi la mia esperienza, le mie conoscenze per darvi delle informazioni coerenti riguardo a:

  • cosa succede quando si verifica la paralisi di Bell?

  • Cosa fare

  • cosa non fare

  • cosa aspettarsi


Cos'è la paralisi di Bell e come si verifica?

La paralisi di Bell è una paralisi unilaterale dei muscoli facciali. Succede quando il nervo facciale ( il nervo che collega il cervello e i muscoli facciali subisce un danno) Questo danno si verifica spesso quando il nervo è sottoposto a compressione. Questa compressione è principalmente il risultato del gonfiore del tessuto circostante.


Il nervo facciale scorre nell'osso temporale attraverso un canale molto lungo e curvo, dove è abbastanza vulnerabile. Quindi, se si verifica un gonfiore proprio in quel passaggio, il nervo facciale va in contro ad una compressione.


Il gonfiore può verificarsi per vari motivi, uno dei quali potrebbe essere un'infezione batterica o virale nell'area circostante il nervo. L'infezione può causare gonfiore e portare a una compressione, che danneggia il nervo facciale.

Ci sono due possibili scenari per il recupero dopo la paralisi facciale:

1. Recupero rapido

Se il danno al tessuto nervoso è solo superficiale (solo a livello della guaina mielinica) può essere recuperato abbastanza rapidamente. Possiamo aspettarci che i movimenti facciali tornino completamente entro 2-5 settimane. Sarà un completo recupero rapido e le funzioni dei muscoli facciali saranno come prima.

2. Recupero lungo

Lo scenario meno favorevole è quando il nervo subisce danni più gravi. Possiamo confrontare un nervo facciale con un cavo telefonico spesso, che consiste di molti fili isolati. La guaina mielinica è l'isolante, che protegge il "filo".


Il "filo" è l'assone, la fibra nervosa che trasmette i segnali elettrici dal cervello ai muscoli.

Quando si verifica un danno più grave, non solo l'isolamento (guaina mielinica) viene danneggiato, ma anche il "filo" (assone) viene danneggiato. Quando l'assone è danneggiato, il cervello perde la sua connessione fisica con i muscoli facciali.

Non c'è più il "filo" che collega il cervello con il viso. Quindi, ovviamente, per recuperare questo tipo di danno ci vuole molto più tempo. Inoltre, richiede più risorse dal corpo.

In questo scenario, il ripristino può richiedere più tempo. Potrebbero volerci uno, due, tre mesi o più prima che compaiano i primi segni del ritorno dei movimenti facciali. Quindi, c'è una probabilità piuttosto alta che il recupero sia incompleto. Ci saranno alcuni residui e complicazioni dopo una paralisi facciale di questo tipo.

In questi casi è fondamentale la fisioterapia.

Quali sono le cause della paralisi facciale che possono portare a una prognosi di guarigione più o meno favorevole?

A seconda del tipo di causa che ha provocato la paralisi facciale, la prognosi per una rapida guarigione può essere più o meno favorevole. Ad una situazione più favorevole possiamo assegnare la paralisi “classica” di Bell. La paralisi di Bell è essenzialmente una diagnosi di esclusione. Quando non è possibile stabilire una causa particolare, il disturbo funzionale prende il nome di paralisi di Bell. Ai casi di danno più gravi possiamo assegnare:

  • Sindrome di Ramsay Hunt (eruzione erpetica)

  • tumori

  • paralisi facciale post-operatoria

  • paralisi facciale post traumatica

  • altre cause che provocano un forte gonfiore dei tessuti circostanti.

leggi l'articolo con tutte le possibili cause di paralisi facciale


In tutti questi casi c'è un forte rigonfiamento dei tessuti circostanti che porta ad una compressione piuttosto pesante. Poiché questo tipo di gonfiore non scompare così rapidamente, il nervo facciale viene compresso per un tempo più lungo. Questo porta a danni più gravi alle fibre nervose.

Cosa fare quando si verifica una paralisi facciale?


Cosa dovresti fare: dovresti consultare immediatamente un medico. Dovresti recarti in pronto soccorso o vedere un medico otorino o un neurologo. Consulta uno specialista che ha una buona conoscenza della paralisi facciale. Possono prescriverti i farmaci adeguati e anche indagare con degli esami per capire cosa ha causato la tua paralisi facciale:

  • infiammazione

  • un'infezione batterica o virale

  • o un tumore che si sta lentamente sviluppando da qualche parte nell'angolo cerebello-pontino


Quindi, per favore, fai del tuo meglio per vedere un buon specialista.

Quello specialista ti prescriverà i farmaci e ti darà buoni consigli su cosa dovresti fare durante la fase acuta.


Dobbiamo ridurre la compressione e dobbiamo eliminare il gonfiore il prima possibile.

Il più delle volte, il farmaco di scelta è uno steroide (cortisone). Il suo scopo principale è ridurre il gonfiore. Se c'è un'infezione virale o un'infezione da batteri, allora, ovviamente, dovrai assumere farmaci contro i batteri (antibiotico) o un antivirale, in quasi tutti i casi è consigliata un integrazione di vitamina B.

Cosa NON devi fare:

non dovresti farti prendere dal panico. Mi rendo perfettamente conto che quando metà del viso non vuole muoversi, quando non riesci a battere le palpebre, quando l'angolo della bocca è sospeso, quando non riesci a trattenere in bocca liquidi o il cibo quando il discorso diventa impastato, ha un impatto molto grande . Soprattutto l'impatto emotivo. Ma per favore, non farti prendere dal panico e non disperare.

La rigenerazione inizia ad avvenire nello stesso momento in cui si è verificato il danno. Quindi il tuo nervo sta ricrescendo. Il nervo si rigenerà e si ricollegherà ai muscoli facciali. Quindi i movimenti facciali torneranno!!!

Potrebbe volerci del tempo. Se la compressione è in atto, potrebbero essere necessarie un paio di settimane. Se il danno al nervo è più grave, potrebbe volerci più tempo. Forse 2 mesi, forse 3 mesi. Ma i movimenti torneranno sul tuo viso! Quindi, per favore, non farti prendere dal panico, non disperare. Tutto si risolverà!

Non c'è modo di far "tornare indietro" rapidamente il tuo nervo facciale. Il danno è avvenuto e il tuo corpo ha bisogno di tempo per far ricrescere il nervo e per riparare il danno.

È come quando tagli i capelli. Non ti aspetti che i capelli ricrescano durante la notte o anche entro due o tre giorni. Ci vuole tempo come determinato dalle leggi della natura. Lo stesso vale per i nostri nervi. Se ti tagli il dito, non ti aspetti che sia completamente guarito la mattina successiva. Quindi, per favore, renditi conto che tutti i processi nel nostro corpo richiedono tempo.

C'è un altro aspetto molto importante. Quando siamo presi dal panico o ci disperiamo, quando ci sentiamo senza speranza, sopprimiamo il nostro sistema immunitario. Abbiamo bisogno del nostro sistema immunitario e di tutte le risorse del nostro corpo per recuperare più velocemente.

Quindi, per favore, stai calmo. Mantieni il tuo equilibrio emotivo. Fai cose piacevoli. Riposati molto. Il tuo corpo e le tue emozioni hanno subito un impatto piuttosto pesante. Quindi riposati. Se hai voglia di dormire, vai a dormire. Se hai voglia di non fare nulla, non fare nulla. Fai cose belle e positive e mantieni il tuo stato d'animo positivo. Questo è molto, molto importante. Migliorerà e faciliterà il tuo recupero.

Come migliorare le tue possibilità di guarigione dopo la paralisi acuta di Bell?

Tieni presente che non c'è una ricetta miracolosa per il recupero del nervo facciale. Ma puoi fare qualcosa per rendere più facile il compito per il tuo corpo.

Questi suggerimenti sono applicabili sia che soffri di paralisi facciale acuta sia che se hai dei residui e complicazioni dopo una paralisi facciale di lunga data. Cinque suggerimenti su come migliorare il tuo recupero dopo la paralisi acuta di Bell.

1 NON cercare di forzare il tuo viso nelle espressioni facciali. Anzi. Cerca di trovare un po' di tempo un paio di volte al giorno e siediti in silenzio per circa 10 minuti. Ascolta il tuo viso e cerca di ripristinare l'equilibrio sensoriale tra il lato malato e quello sano. Cerca di percepire il tuo viso come un tutto e non come una combinazione di due metà separate.


2 Ti sconsiglio di fare esercizi facciali trovati su internet. Come pronunciare lettere, pronunciare suoni, fare alcune espressioni facciali, costringere i muscoli a fare delle facce. Fare movimenti attivi e volontari esagerati può facilitare la formazione di sincinesie. Può anche portare a contratture dei muscoli facciali e creare una sensazione di tensione sul viso. Cosa che, ovviamente, vogliamo evitare.


3 Fai rilassare i muscoli facciali.Trova un paio di minuti, alcune volte al giorno, siediti in silenzio e concentrati sul rilassamento consapevole dei muscoli facciali , uno per uno. Impara i muscoli facciali che abbiamo sul nostro viso, così puoi "sentirli" sotto la tua pelle. Cerca di concentrare la tua attenzione sul rilassarli uno per uno. Questo esercizio aiuterà il tuo cervello a mantenere un buon rilassamento di fondo dei muscoli facciali. Dobbiamo evitare che il tuo cervello sviluppi l'abitudine di amplificare eccessivamente le contrazioni dei muscoli facciali. Ti aiuterà a muovere i muscoli, a muovere il viso, in maniera più proporzionale e ad evitare la comparsa di sincinesie.


4 Massaggia delicatamente il viso con un massaggiatore o con entrambe le mani, entrambi i lati contemporaneamente. Tre o quattro minuti ogni volta. Metti alcune gocce di olio da massaggio o una crema per il viso, in modo da fare un massaggio più confortevole e non tirare la pelle. Tieni presente che dovresti eseguire il tuo automassaggio con movimenti lenti e delicati. Non sono necessarie tecniche speciali. La direzione generale dei movimenti può essere dalla linea mediana - verso l'esterno della faccia e dal basso - verso l'alto.


5 Non usare la forza durante il massaggio facciale.L'idea alla base dell'automassaggio è quella di creare uno stato d'animo calmo e tranquillo e di ripristinare l'equilibrio sensoriale tra entrambi i lati del viso.


Grazie per aver letto l’articolo fino a qua. Spero che queste informazioni ti aiutino ad avere un quadro chiaro di cosa fare, cosa non fare e cosa aspettarti se ti capita una paralisi facciale.

Ti auguro di riprenderti completamente e molto presto.

Nella maggioranza assoluta dei casi la guarigione è completa e solo una piccola parte dei pazienti che hanno sofferto di paralisi facciale sviluppa residui e complicazioni.

Non esitare a scrivermi o chiamarmi insieme decideremo come procedere e come riportare l'equilibrio al tuo viso, ripristinare la simmetria dei tuoi movimenti facciali e come far tornare il tuo sorriso 😉.


332 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti