Stabilizer, biofeedback pressorio per gli esercizi

Cos'è lo stabilizer?

Stabilizer è un dispositivo che fornisce un'indicazione visiva che ti aiuta a capire se stai facendo lavorare i muscoli posturali corretti, nel modo giusto, durante l'esecuzione di esercizi specifici.

La ricerca ha dimostrato che l'attivazione corretta di questi muscoli può alleviare e prevenire il mal di schiena e il dolore alla cervicale.


Il campo di misura è 0-200 mmHg di pressione analogica con una precisione di +/- 3 mmHz di pressione. Con un uso continuo e corretto, abbinato a delle sedute di fisioterapia può aiutarti a migliorare la qualità della tua vita favorendo la corretta la funzione muscolare, diminuendo i sintomi del dolore e successivamente diminuendo i farmaci antinfiammatori.

Quando usare lo stabilizer?

Per la prevenzione e il trattamento del mal di schiena e per migliorare la stabilità del core è un valido strumento per stimolare l'attivazione della muscolatura profonda cervicale, questa muscolatura è fondamentale nella prevenzione e nel trattamento del dolore cervicale e del mal di testa.


Come funziona lo stabilizer?

L'unità di biofeedback (l' airbag blu) viene gonfiato utilizzando la pompa a mano simile a quella dello sfigmomanometro (lo strumento per misurare la pressione).



L' airbag blu viene quindi posizionato contro una parte specifica del corpo, come la parte bassa della schiena, il tronco o il collo, a seconda dell'esercizio specifico.


Il paziente contrae quindi i muscoli specifici che forniscono supporto posturale. La ricerca ha dimostrato che, essendo in grado di contrarre questi muscoli posturali, il dolore alla schiena e al collo possono essere prevenuti e risolti. Lo stabilizzatore aiuta fornendo un feedback visivo che consente all'utente di sapere se sta effettuando l'esercizio utilizzando la tecnica corretta.

Con la tecnica corretta la lettura della pressione sul quadrante cambia, a seconda dell'esercizio che la persona sta facendo. Il quadrante fornisce un feedback visivo e migliora significativamente la qualità della contrazione di muscoli specifici durante gli esercizi per la schiena e gli esercizi per il collo e rende misurabile l'attivazione muscolare rilevando la quantità di pressione esercitata dal muscolo contro l'airbag.



Migliorando questi muscoli posturali e la "core stability", la stabilità spinale migliorerà notevolmente. La ricerca ha dimostrato che questo è molto efficace nel trattamento del mal di schiena in condizioni comeErnia del disco o Sciatica. Lo stabilizzatore può essere utilizzato anche per la prevenzione e il trattamento del dolore al collo e mal di testa.




 

Un esempio di come si può utilizzare lo stabilizer



Il test di flessione craniocervicale a basso carico di forza viene utilizzato clinicamente per valutare la funzione dei flessori cervicali profondi. Questo è un test clinico scientificamente supportato per documentare la valutazione della capacità di un paziente di eseguire e mantenere uno specifico movimento di flessione della parte superiore del collo senza impegnare i muscoli del rachide cervicale medio e / o inferiore.

In questo esercizio lo stabilizzer verrà utilizzato per guidare il paziente attraverso cinque fasi (da 20 a 30 mm / Hg).




L'unità di biofeedback viene posizionata dietro il rachide cervicale e gonfiata fino a 20 mm / Hg. L'obiettivo nell'utilizzo del dispositivo di biofeedback a pressione è il controllo nell'esecuzione dei flessori cervicali profondi con aumento graduale della pressione fino a 30 mm / Hg e mantenendo la pressione senza utilizzare alcuna strategia di compensazione per 10 secondi.


Benefici clinici degli esercizi cervicali con stabilizer


Uno studio del 2013 sul Journal of Physical Therapy Science ha concluso: "Gli esercizi di contrazione DCF [flessori cervicali profondi] selettivi sono considerati molto utili nel trattamento dei pazienti con dolore al collo".

La funzione dei muscoli flessori cervicali profondi fornisce un supporto essenziale per la curva lordotica cervicale e per le articolazioni. Uno studio del 2004 sulla rivista Experimental Brain Research , ha riscontrato atrofia dei muscoli cervicali profondi associata ad un ritardo di attivazione in pazienti con dolore cronico al collo.

Uno studio del 2008 nel Journal of Manipulative and Physiological Therapeutics indica che il test di flessione craniocervicale è un valido strumento clinico e di ricerca nel dolore e nella compromissione del collo. Gli autori indicano che i pazienti con dolore al collo e disturbi correlati mostrano un'alterazione del controllo neuromotorio durante la flessione craniocervicale con una riduzione dell'attività dei flessori cervicali profondi, con un aumento delle attività dei flessori superficiali spesso associato a strategie di movimento aberranti e ridotta resistenza isometrica dei flessori cervicali profondi. Il movimento di flessione craniocervicale riqualifica questi muscoli ed è consigliabile inserirlo nel programma per il riapprendimento motorio in pazienti con dolore al collo, mal di testa e colpo di frusta. Questo dovrebbe anche accompagnare strategie posturali ergonomiche .

In uno studio pubblicato nel 2016 sulla rivista Manual Therapy gli autori hanno utilizzato l'EMG per confermare che un aumento dell'attività dei flessori superficiali del collo durante il test di flessione craniocervicale ed una riduzione dell'attività dei flessori profondi nei soggetti con dolore al collo

Risultati interessanti di uno studio del 2016 del Journal of Electromyography and Kinesiology hanno indicato che l'abbinamento di tecniche di rilascio suboccipitale con l'esercizio di flessione craniocervicale fornisce ulteriori vantaggi nei livelli di attivazione muscolare e correzione della postura della testa in avanti.

Lo stabilizer è uno strumento cruciale nei casi più difficili e complicati del trattamento di questi disturbi. È anche un ottimo dispositivo da utilizzare a casa per ottenere il massimo dagli esercizi specifici che richiedono attenzione ai dettagli per i migliori risultati.



50 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti