top of page

Recupero dalla paralisi di Bell

Il recupero della paralisi facciale di solito segue uno dei due scenari di recupero, a seconda dell'entità del danno iniziale al nervo facciale.


Se il danno è stato lieve, il recupero sarà rapido , e se il danno è stato più grave, allora il recupero avrà bisogno di tempi più lunghi.


Nella maggior parte dei casi, dopo la paralisi di Bell, si verifica un rapido recupero entro poche settimane e di solito porta a un pieno ritorno dei movimenti facciali.


Tuttavia, in circa il 20-30% dei casi, il recupero può richiedere molto più tempo e portare allo sviluppo di complicanze indesiderate.

In questo articolo vedremo come mai a volte dopo la paralisi di Bell il recupero è più difficile e perché ci vuole più tempo.


Come abbiamo già visto in altri articoli secondo le definizioni mediche, la paralisi di Bell è una diagnosi di esclusione per una paralisi facciale periferica unilaterale.

Questa diagnosi viene fatta quando non è possibile determinare la causa della paralisi facciale.

Tuttavia, tra la maggior parte della gente e anche di alcuni medici, la paralisi di Bell è comunemente usata per descrivere qualsiasi tipo di paralisi facciale periferica ed è spesso usata in modo intercambiabile con paralisi facciale per indicare la stessa condizione sottostante: una paralisi unilaterale dei muscoli facciali.


In questo articolo seguiremo l'abitudine generale di scambiare i termini per semplicità di comprensione.

Tieni presente che in questo articolo discutiamo della paralisi facciale classica.

Discuteremo le possibilità di recupero dopo paralisi facciale congenita, post-traumatica o post-operatoria senza danno assonale.


Le informazioni seguenti hanno lo scopo di descrivere lo scenario più tipico. Non derivano dalla letteratura scentifica ma dalla mia esperienza con i paziente. Ricordati che ogni caso di paralisi facciale è unico e si svilupperà in modo individuale.

Tuttavia, puoi ragionevolmente aspettarti che il tuo recupero segua la direzione qui descritta.


Quando aspettarsi un lungo recupero dopo la paralisi facciale?


La durata del recupero dopo la paralisi facciale di Bell dipende dall'entità del danno subito dal nervo facciale, da tempo trascorso tra la manifestazione dei sintomi e l'assunzione della terapia e dal percorso riabilitativo intrapreso ( il fai da te spesso fa molti più danni della paresi, gli esercizi su google o su youtube fanno ancora più danni del fai da te, per favore evita di farli, sono spesso generali, realizzati da pazienti o da colleghi che trattano altre patologie, spesso sono privi di fondamento scientifico e nella maggior parte dei casi favoriscono la comparsa di sincinesie e tensioni facciali -questo è il motivo per cui non trovi dei miei esercizi sul web, l'esercizio sbagliato o l'esercizio giusto fatto nel momento sbagliato ha l'effetto opposto a quello desiderato- HO VISTO PIU' DANNI DA RIABILITAZIONE SBAGLIATA CHE DA PARESI quindi per favore evita, se non vuoi venire da me vai da chi vuoi ma fatti seguire da un professionista specializzato in questo campo)


La paralisi di Bell richiede molto tempo per riprendersi se il danno al nervo facciale è profondo.

Il nostro nervo facciale è costituito per la maggior parte da motoneuroni, oltre che da alcuni neuroni sensoriali e fibre parasimpatiche.


Il compito principale di un motoneurone è trasmettere segnali elettrici dal nostro cervello ai muscoli.

Nel nostro caso, i muscoli facciali. Una volta che il segnale raggiunge il muscolo, le fibre muscolari si contraggono e, quando il segnale dal cervello è assente, si rilassano.

Il segnale elettrico prodotto dal cervello viaggerà lungo l' assone del motoneurone.


Per poter trasmettere il segnale, l'assone è isolato dalla guaina mielinica , proprio come qualsiasi filo elettrico deve essere isolato per condurre correttamente l'elettricità.


Quando si verifica la paralisi di Bell, il nervo facciale viene danneggiato e la sua capacità di trasportare segnali elettrici viene compromessa. Sotto l'impatto di fattori dannosi, sia la guaina mielinica che l'assone possono subire danni.


Le fasi del danno al nervo facciale durante la paralisi di Bell


In generale, la paralisi facciale periferica è causata dal gonfiore dei tessuti che circondano il nervo facciale o da un'interruzione dell'afflusso di sangue.


Quando il gonfiore si sviluppa, comprimerà il nervo facciale (Fase 1 ), riducendo l'apporto di ossigeno e danneggiando i tessuti.


Dopo la compressione, la guaina mielinica sarà danneggiata per prima (fase 2).


Senza l'isolamento della guaina mielinica, il nervo facciale non può condurre i segnali elettrici , quindi il cervello perde la connessione con i muscoli facciali.

Questo fenomeno è chiamato un blocco di conduzione.


Se a questo punto la compressione viene eliminata con l'aiuto di steroidi (cortisone) o meccanismi naturali del nostro corpo, le fibre del nervo facciale rimarranno intatte.

In questo caso, molto probabilmente seguirai una rapida sequenza temporale di recupero che si tradurrà in un ritorno spontaneo completo dei movimenti facciali.

Tuttavia, se la compressione permane per un tempo più lungo (5-6 giorni o più), non solo la guaina mielinica ma anche le fibre del nervo facciale subiranno danni (Fase 3).


Questo porta alla degenerazione delle fibre del nervo facciale (fase 4).

Questo fenomeno è ciò che fa sì che il tuo recupero dopo la paralisi facciale sia lungo.


Per poter ristabilire la connessione tra il cervello e i muscoli facciali, il tuo corpo ha bisogno di rigenerare sia le fibre nervose facciali degenerate che la guaina mielinica.


Le fibre del nervo facciale si rigenereranno, nelle condizioni più ottimali, al ritmo di non più di 1 mm al giorno. Dovendo rigenerare intorno agli 80-100mm di distanza, potrebbero volerci almeno diversi mesi prima che compaiano i primi movimenti .

Alcuni rami nervosi possono rigenerarsi prima, mentre altri potrebbero richiedere più tempo.


Ad esempio, potresti notare alcuni movimenti nella tua fronte, ma dovrai aspettare ancora qualche settimana prima di poter vedere alcuni movimenti nell'angolo della bocca.


Se il recupero richiede un tempo più lungo (diversi mesi), la probabilità di sviluppare qualche forma di complicanze , come sincinesie , asimmetria facciale, lacrime di coccodrillo , contratture dei muscoli facciali e altre, è piuttosto alta .


La buona notizia è che nella maggior parte dei casi queste complicazioni e residui possono essere ridotti con l'aiuto di una corretta riabilitazione, come evidente dall'esperienza dei pazienti che intraprendono questo percorso.


Cosa si può fare per evitare un recupero lento?

Il primo passo più importante, quando ti rendi conto di avere una paralisi facciale, è andare dal medico il prima possibile .


Questo è un problema sensibile al tempo e prima il medico stabilirà il fattore dannoso, prima potrai iniziare qualsiasi farmaco necessario per aiutarti a ridurre la compressione del tronco nervoso.


Sfortunatamente, ci sono misure molto limitate che possiamo adottare per ridurre la possibilità di danni estesi alle fibre del nervo facciale. In larga misura, il danno dipende in primo luogo dai fattori che hanno causato la paralisi facciale.


In casi come la sindrome di Ramsay Hunt - in cui la paralisi facciale è causata da un virus Herpes Zoster - il recupero richiederà solitamente più tempo.


Questo perché le infezioni virali o batteriche che causano gonfiore locale attorno al nervo facciale e provocano la paralisi facciale possono richiedere almeno alcuni giorni per essere curate. Fino a quando l'infezione non viene curata, il gonfiore non può essere ridotto in modo efficace, quindi il nervo facciale subirà danni estesi.


Nei primi giorni stai a riposo, il corpo ha bisogno di energie per risolvere l'edema


Non sforzarti e non fare gli esercizi che trovi on-line o smorfie molto grandi, soprattutto dal lato sano


Adotta un pensiero positivo! La maggior parte dei pazienti recupera e torna come prima.


Affidati a professionisti esperti : Neurologo o Otorino, Oculista e Fisioterapista (prenota un appuntamento)



La paralisi di Bell non dura per sempre!

È molto importante ricordare che la paralisi di Bell non dura per sempre.

Dal momento in cui compaiono i primi movimenti, la tua paralisi facciale termina.


D'ora in poi, non soffrirai più della paralisi di Bell.


Il tuo recupero potrebbe essere incompleto e potresti riscontrare complicazioni e residui, ma non è più la stessa paralisi di Bell: sono le complicazioni dopo un lungo periodo di recupero. Dopo un recupero a lungo termine, quando i movimenti iniziano a tornare, è molto probabile che alla fine le tue funzioni mimiche ed espressive sul lato colpito non torneranno allo stesso modo di prima. Ci sono alcuni motivi per questo:

  • alcune delle fibre del nervo facciale non si sono (ancora) rigenerate completamente,

  • hai sviluppato complicanze ed effetti residui durante il lungo periodo di recupero.

Le complicanze più comuni che possono formarsi dopo un lungo processo di recupero dalla paralisi di Bell sono la sincinesia , il sorriso asimmetrico, i dolori e le tensioni facciali croniche , l'aumento del tono dei muscoli facciali, le lacrime di coccodrillo e altre. Tuttavia, questo non è un motivo per disperare.

Nella maggior parte dei casi, è possibile ridurre la loro manifestazione, inclusa la sincinesia, seguendo un programma riabilitativo ben guidato e lavorando ogni giorno per migliorare le condizioni del viso.

Non è un viaggio facile, ma se sei motivato a riportare il tuo sorriso, sono pronto a condividere le mie conoscenze e guidarti al meglio verso il tuo recupero. Mandami un messaggio o fissa un appuntamento




1.138 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page