Elettromiografia EMG cos'è e come funziona

L'elettromiografia (EMG) è una procedura diagnostica per valutare la salute dei muscoli e delle cellule nervose che li controllano (motoneuroni). I risultati dell'EMG possono rivelare una disfunzione nervosa, disfunzione muscolare o problemi di trasmissione del segnale da nervo a muscolo.

Cosa sono i motoneuroni?

I motoneuroni sono i neuroni che trasmettono segnali elettrici che provocano la contrazione dei muscoli. Un EMG utilizza minuscoli dispositivi chiamati elettrodi per tradurre questi segnali in grafici, suoni o valori numerici che vengono poi interpretati da uno specialista.


L'elettromiografia è uno studio sulla conduzione nervosa, per effettuare questa analisi si utilizzano adesivi con funzione di elettrodi che vengono applicati in punti specifici sulla pelle (elettrodi di superficie) per misurare la velocità e la forza dei segnali che viaggiano tra due o più punti.

Invece durante un EMG con ago oltre agli elettrodi adevsivi viene utilizzato un elettrodo ad ago che viene inserito direttamente in un muscolo al fine di registrare l'attività elettrica di quel determinato muscolo.



Perché viene prescritta l'elettromiografia

Il medico può ordinare un elettromiografia -EMG - se si hanno segni o sintomi che possono indicare un disturbo nervoso o muscolare.


Tali sintomi possono includere:

  • Formicolio

  • Intorpidimento

  • Debolezza muscolare

  • Paresi

  • Paralisi

  • Dolore muscolare o crampi

  • Alcuni tipi di dolore agli arti

I risultati dell'EMG sono spesso necessari per aiutare a diagnosticare o escludere una serie di condizioni come:

  • Disturbi muscolari, come la distrofia muscolare o la polimiosite

  • Malattie che interessano la connessione tra il nervo e il muscolo, come la miastenia grave

  • Disturbi dei nervi esterni al midollo spinale (nervi periferici), come la sindrome del tunnel carpale o le neuropatie periferiche

  • Disturbi che colpiscono i motoneuroni del cervello o del midollo spinale, come la sclerosi laterale amiotrofica o la poliomielite

  • Disturbi che colpiscono la radice nervosa, come un'ernia del disco nella colonna vertebrale


Quali sono i rischi dell'elettromiografia?

L'EMG è una procedura a basso rischio e le complicanze sono rare. C'è un piccolo rischio di sanguinamento, infezione e lesioni ai nervi quando viene inserito un elettrodo ad ago.

Quando i muscoli lungo la parete toracica vengono esaminati con un elettrodo ad ago, c'è un rischio molto basso che possa causare la fuoriuscita di aria nell'area tra i polmoni e la parete toracica, provocando il collasso di un polmone (pneumotorace).


Cosa puoi fare per prepararti


Cibo e farmaci

Quando pianifichi il tuo EMG, chiedi se devi interrompere l'assunzione di farmaci da prescrizione o da banco prima dell'esame. Se stai assumendo un farmaco chiamato Mestinon (piridostigmina), dovresti chiedere specificamente se questo farmaco deve essere interrotto per l'esame.


Fare il bagno

Fai una doccia o un bagno poco prima dell'esame per rimuovere il sebo dalla pelle. Non applicare lozioni o creme prima dell'esame, se devi farla al viso non truccarti e non mettere creme.


Altre precauzioni

Lo specialista del sistema nervoso (neurologo) che conduce l'EMG dovrà sapere se hai determinate condizioni mediche. Informa il neurologo e altro personale presente durante l'elettromiografia EMG se:

  • Hai un pacemaker o qualsiasi altro dispositivo medico elettrico

  • Prendi dei farmaci che fluidificano il sangue

  • Ha l'emofilia, un disturbo della coagulazione del sangue che causa sanguinamento prolungato

Cosa puoi aspettarti dall'esame elettromiografico


Prima della procedura

In alcune situazione può essere che ti verrà chiesto di indossare un camice da ospedale per la procedura e di sdraiarti su un lettino. Per prepararsi allo studio, il neurologo o un tecnico posiziona gli elettrodi di superficie in vari punti della pelle a seconda di dove si verificano i sintomi. Oppure il neurologo può inserire elettrodi ad ago in siti diversi a seconda dei sintomi.


Durante la procedura

Quando lo studio è in corso, gli elettrodi di superficie a volte trasmettono una piccola corrente elettrica che potresti sentire come una fitta o uno spasmo. L'elettrodo ad ago può causare disagio o dolore che di solito termina poco dopo la rimozione dell'ago.

Durante l'EMG con ago, il neurologo valuterà se c'è un'attività elettrica spontanea quando il muscolo è a riposo - attività che non è presente nel tessuto muscolare sano - e il grado di attività quando si contrae leggermente il muscolo.

Lui o lei ti darà istruzioni su come e quando rilassare o contrarre un muscolo. A seconda dei muscoli e dei nervi esaminati, potrebbero chiederti di cambiare posizione durante l'esame.

Se sei preoccupato per il disagio o il dolore in qualsiasi momento durante l'esame, potresti parlare con il neurologo per fare una breve pausa. Ma ti assicuro che è del tutto sopportabile.


Dopo la procedura

Potrebbero verificarsi piccoli lividi temporanei nel punto in cui l'elettrodo ad ago è stato inserito nel muscolo. Questo livido dovrebbe svanire entro diversi giorni. Se persiste, contatta il medico di base.


Risultati

Il neurologo interpreterà i risultati del tuo esame e preparerà un referto che dovresti consegnare al tuo medico di base, o al medico specialista che ha ordinato l'EMG.

Quando vieni da me per effettuare il trattamento ricordati di portare il referto in modo che possiamo discuterne insieme ed impostare il percorso più efficace per la tua situazione.

353 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti