ELETTROSTIMOLAZIONE PERCUTANEA

La elettrostimolazione percutanea dei trigger points fa riferimento al utilizzo di correnti elettriche che attraverso aghi giungono in modo diretto ai trigger points, a differenza degli elettrodi cutanei, gli aghi permettono una maggior precisione e evitano la dispersione di corrente in tessuti più superficiali.

 

Gli aghi possono essere inseriti in modo convergente a un unico trigger point, possono essere messi uno sul trigger point e l’altro sulla banda tesa, può essere introdotto solo un ago e utilizzare un elettrodo superficiale o possono essere introdotti sulla banda tensa lasciando il trigger point a metà.

 

La corrente che più spesso viene utilizzata è la rettangolare bifasica simmetrica di tipo tens, le frequenze e intensità utilizzate variano a seconda dell’obbiettivo terapeutico.

Questa tecnica viene consigliata su pazienti che non tollerano la tecnica di dry needling profonda o per trigger point che possono lasciare un dolore residuale importante.

Schermata%202020-05-06%20alle%2022.09_ed

FISIOTERAPIA
INVASIVA

NEL MONDO

ad oggi questa disciplina, in Italia, non può essere praticata dai Fisioterapisti