Cos’è la Sindrome pronatoria? Come si tratta?

Pronation Distortion Syndrome


Quando il piede è eccessivamente pronato e l'arco del piede collassa verso l'interno; verso il pavimento, anche la tibia collassa verso l'interno provocando un movimento del ginocchio valgo, ponendo una quantità eccessiva di stress sul ginocchio, in particolare l'ACL (legamento crociato anteriore).

Inoltre, il femore adduce o collassa verso la linea mediana del corpo, il che crea tensione nel Vasto laterale (muscolo quadricipite laterale), nel bicipite femorale (muscolo dietro alla coscia) e nei peroni (muscoli laterali del polpaccio)questi tre muscoli si contraggono eccentricamente per aiutare a stabilizzare l'articolazione del ginocchio. Questo modello di compensazione porta allo sviluppo di un movimento del ginocchio valgo durante il movimento di flessione delle gambe: lo squat (accovacciamento), l'affondo, il salto, la corsa e a volte persino semplicemente in piedi.

La sindrome pronatoria può persino causare dolore lombare poiché il complesso dei flessori dell'anca diventa iperattivo nel tentativo del corpo di controllare il movimento del femore per stabilizzare sia il ginocchio che il bacino. I flessori dell'anca iperattivi hanno un effetto negativo sulla colonna lombare e creano un'inclinazione anteriore del bacino e / o un'estensione lordotica eccessiva della colonna vertebrale, denominata Sway Back.


Possibile TRATTAMENTO DELLA SINDROME PRONATORA:

Può essere utile una combinazione di fisioterapia, terapia miofasciale e tecniche di stretching efficaci sui seguenti muscoli iperattivi o tesi: peroni (polpaccio laterale), bicipite femorale (muscoli posteriori della coscia), vasto laterale (quadricipite laterale), complesso adduttore (muscoli inguinali), tensore Fasciae latae (TFL - flessore dell'anca) e psoas (flessore dell'anca). Inoltre, praticare la terapia miofasicale sul tibiale posteriore (muscolo del polpaccio interno), sul gastrocnemio (muscolo del polpaccio) e la muscolatura intrinseca del piede per attivare e indurre la reattività dei tessuti molli in questi muscoli per allineare e supinare correttamente il piede, vale a dire rafforzare l'arco del piede.

Successivamente, pratica esercizi di attivazione per rafforzare e facilitare le sequenze di attivazione corrette dei seguenti muscoli ipoattivi: gluteo medio (muscolo laterale dell'anca), tibiale posteriore (muscolo del polpaccio interno), gastrocnemio (muscolo del polpaccio) e muscoli intrinseci del piede.

Infine, pratica una serie di esercizi che integrano questi muscoli poco attivi con schemi di movimento più ampi, tra cui squat, affondi e corsa. È inoltre fondamentale allenare la stabilità, coordinazione ed equilibrio con esercizi a gamba singola e / o cambio di direzione (COD).


29 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti