Modelli di compensazione e disfunzioni del movimento

Aggiornamento: 15 mag 2021



All'interno del movimento esistono vari modelli di compensazione e di disfunzione del movimento. Questi modelli spesso sono associati ad una capacità limitata dell'individuo di "performare" in una determinata situazione.

Secondo alcuni autori queste disfunzioni di movimento a volte possono anche aumentare notevolmente il rischio di infortunio.


Es. se non ti sollevi correttamente da terra mentre sposti dei pesi e hai una limitazione nel movimento di flessione delle braccia (portare le braccia verso l'alto) è probabile che durante un trasloco ti venga male ad una spalla o alla schiena.


Fortunatamente si possono identificare modelli comuni di compensazione nel movimento e con dei trattamenti è possibile oltre a migliorare la performance e le prestazioni motorie, correggere le disfunzioni del movimento, ripristinare l'integrità biomeccanica, migliorare la qualità del movimento e limitare il rischio di lesioni.


NB non è detto che se hai una disfunzione di movimento questa esiterà per forza in un dolore o un infortunio


Meccanotrasduzione

I modelli di compensazione si sviluppano nel movimento umano per molte ragioni. Quando abbiamo un infortuno o semplicemente nelle attività della vita quotidiana, il corpo umano viene costantemente modellato e rimodellato attraverso la 'meccanotrasduzione'.

La Meccanotrasduzione è il processo in cui le forze biomeccaniche in combinazione con reazioni biochimiche e flussi di energia 'deformano' (o cambiano la forma di) ogni singola cellula. Inoltre, la meccanotrasduzione manipola e modifica i corrispondenti filamenti di DNA. In altre parole, il movimento umano modella e rimodella continuamente il corpo umano.

La cosa più allarmante di questa relazione tra movimento e corpo è che il movimento può rimodellare il corpo per il peggio e, a volte, ridurrà la capacità del corpo di funzionare come potrebbe o come è progettato per funzionare. Pertanto, l'ambito del movimento umano può avere un'influenza "negativa" sull'evoluzione del corpo umano. La fisioterapia sfrutta proprio questo concetto per andare a "Modellare" in positivo il nostro corpo e renderlo più forte, più sano e più funzionale.


Vita moderna Come molti professionisti hanno già affermato in libri e pubblicazioni scientifiche, la sintesi collettiva delle attività della vita quotidiana (come usare sempre il cellulare o passare la maggior parte del tempo seduti ) sta minando, se non erodendo, la capacità di un individuo di mantenere l'integrità biomeccanica e di correggere la funzione articolare e tissutale durante il movimento. In breve, la vita moderna fa sì che gli individui si muovano poco e soprattuto male.


Cosa sono i modelli di compensazione? Un modello di compensazione è il tentativo del corpo di compensare la mancanza di movimento in un'area aggiungendo un nuovo movimento (spesso scorretto). Più specificamente, un modello di compensazione è una strategia neuromuscolare che include una `` nuova '' sequenza di attivazione (unità motorie e muscoli) e / o utilizza la dipendenza strutturale (ossa, legamenti, tendini, fascia e strutture articolari) per integrare o evitare un'altra sequenza di attivazione e / o affidamento strutturale.


In sostanza, un modello di compensazione è una strategia neuromuscolare alternativa che il corpo impiega quando la strategia neuromuscolare prescritta naturalmente non è più un'opzione praticabile da utilizzare nella creazione di un dato movimento.


Camminare su un arto dopo una distorsione alla caviglia è un esempio di schema di compensazione. Il corpo sostituisce semplicemente la sua normale meccanica dell'andatura (camminata) con una versione o una strategia alternativa che limita la quantità di peso posto sulla caviglia infortunata.


Modifiche Molti schemi di compensazione sono impercettibili o appena percettibili e crescono nel tempo fino a diventare una compensazione in scala maggiore. Questo "effetto domino" è dannoso per l'integrità biomeccanica e la qualità del movimento di un individuo.

Un perfetto esempio dell' "effetto domino" della compensazione è testimoniato da un individuo che cammina o sta continuamente in piedi su superfici dure e piatte, come un pavimento di cemento in un'officina media o un pavimento di acciaio in un magazzino. In ciascuno di questi ambienti, il pavimento duro e piatto non offre "cedimento" (malleabilità o flessibilità) come fanno erba, sabbia o altre superfici naturali.

Di conseguenza, il tibiale posteriore (muscolo del polpaccio) diventa sovraccarico di lavoro nel tentativo di mantenere un arco di supporto nel piede per l'individuo che è costantemente in piedi e cammina su superfici dure e piane. Questo muscolo si indebolisce nel tempo a causa dell'elevato volume ripetitivo di stress, cioè tentando di sostenere tutto il peso corporeo sopra l'arco del piede mentre si sta in piedi o si cammina.

Successivamente, il piede ha una pronazione abituale eccessiva (consente all'arco del piede di collassare verso il pavimento), conseguenza della disfunzione motoria sequenziale associata all'indebolimento del muscolo tibiale posteriore. L'eccessiva pronazione del piede aggiunge ulteriori conseguenze nel tempo.


Caduta del domino L'atto di camminare abitualmente su superfici dure e piane sovraccarica il tibiale posteriore e consente di compromettere l'arco del piede, che alla fine collassa verso il pavimento. Il prossimo domino a cadere è l'adduzione o movimento verso l'interno della tibia (stinco) che fa sì che i peronieri (muscoli laterali del polpaccio) e il bicipite femorale (muscoli posteriori della coscia) si contraggano eccentricamente (negativamente) come strategia di compensazione per l'allineamento neutro e la stabilità dell'articolazione del ginocchio e cosi accadrà dopo per l'anca e poi per la schiena ecc... In breve, una forma o strategia di compensazione nel Movimento Umano alla fine porta a un'altra e un'altra, non importa quanto piccola sia la prima forma di compensazione all'inizio.


Formazione dei modelli disfunzionali Nel gioco del domino, quando una tessera cade, un'altra la segue velocemente, proprio come le compensazioni e le disfunzioni del movimento. Quando un muscolo forma una compensazione, ne seguirà un'altra, è solo questione relativa al dove e a quando. Ad esempio, quando il piede si prono continuamente, allora c'è un'alta probabilità che i peroni e il bicipite femorale diventino iperattivi o tesi perché una disfunzione del movimento apre la strada a un'altra disfunzione del movimento. Il corpo umano è un sistema simbiotico di strutture fisiologiche e il movimento umano è un sistema interdipendente di movimenti e disfunzioni del movimento. Pertanto, ogni struttura del corpo è interdipendente dalle altre: articolazioni, muscoli, tendini, legamenti, fascia, organi,ecc.,


Importante da riconoscere Avere la capacità di riconoscere i modelli di compensazione e disfunzione motoria fornisce all'individuo l'opportunità di correggere e neutralizzare i rischi e i danni associati ai modelli, nonché consente all'individuo di sviluppare maggiore efficienza e integrità per quanto riguarda le funzioni biomeccaniche e la qualità del movimento.


Imparare a riconoscere alcuni dei modelli comuni di compensazione è uno strumento che ogni un individuo dovrebbe utilizzare nello sforzo di ridurre al minimo il rischio di lesioni e danni associati alle disfunzioni motorie.


Modelli comuni di compensazione Molti modelli di compensazione sono "comuni" o si trovano nel movimento di molte persone in tutto il mondo, questo avviene a causa dell'alto tasso di esposizione alle cause di questi modelli di compensazione.

Come accennato prima, camminare su superfici dure e piatte crea un arco collassato nel piede e avvia un modello coordinato di compensazione nel corpo. La maggior parte del mondo sviluppato moderno è dotato di superfici dure e piatte, sulle quali milioni, forse miliardi, di persone camminano e stanno in piedi ogni giorno. Pertanto, la probabilità che un gran numero di persone sperimenta lo stesso modello di compensazione nei loro movimenti è molto probabile, se non quasi definita. Ma per fortuna non tutti questi modelli disfunzionali esiteranno in dolore.

Un obiettivo efficace per un individuo, in particolare per i fisioterapisti, è identificare modelli comuni di compensazione nel movimento umano per affrontare e correggere le disfunzioni del movimento associate, limitare il rischio di lesioni e migliorare la qualità del movimento.

Elenco dei modelli comuni di compensazione e di movimento disfunzioni :

Pronation Distortion Syndrome

Sindrome pronatoria COMING SOON

Valgus Knee

Ginocchio valgo COMING SOON

Patellofemoral Tracking Syndrome

Sindrome da raschiamento Femoro Rotulea COMING SOON

Patellofemoral Pain Syndrome

Sindrome dolorosa Femoro Rotulea COMING SOON

Quad Dominance

Dominio sinergico COMING SOON

IT Band Syndrome

Sindrome della bandelletta COMING SOON

Asymmetrical Weight Shift

Spostamento asimmetrico del Peso COMING SOON

Glute Amnesia Syndrome

Sindrome dell'amnesia del Gluteo COMING SOON

Buttwink

Buttwink COMING SOON

Posterior Pelvic Tilt

Tilt pelvico posteriore COMING SOON

Anterior Pelvic Tilt

Tilt pelvico anteriore COMING SOON

Lower Cross Syndrome

Sindrome crociata inferirore COMING SOON

Sway Back – Excessive Lordosis

Sway back COMING SOON

Upper Cross Syndrome

Sindrome crociata superiore COMING SOON

Rounded Shoulders

Spalle curve COMING SOON

Excessive Kyphosis

Ipercifosi COMING SOON

Forward Head Posture

Testa in avanti COMING SOON

Shoulder Impingement

impingement scapolare COMING SOON

Winged Scapula

Scapola alata COMING SOON

Flared Rib Cage

Scapola alta COMING SOON

Elevated Shoulders

Elevazione delle spalle COMING SOON

Uneven Shoulders

Depresssione scapolare COMING SOON

Hyperinflation

Iperinflazione COMING SOON


184 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti