Mal di schiena durante la gravidanza

Il mal di schiena durante la gravidanza è per lo più considerato normale e di solito scompare spontaneamente dopo il parto. Più della metà delle donne incinte riferiscono di avere dolori alla schiena durante la maternità, ed è anche un motivo comune di congedo per malattia.


La lombalgia e il dolore pelvico sono un sintomo comuni durante la gravidanza e la prevalenza va dal 24% al 90% a secondo degli studi clinici pubblicati.


In un terzo delle donne in gravidanza, il mal di schiena è un grave problema che compromette la normale vita quotidiana.

Il dolore pelvico peripartum interferisce con la maggior parte delle attività della vita quotidiana e con la vita sessuale.

Il mal di schiena in gravidanza si verifica due volte più spesso nelle donne con una storia di mal di schiena e nelle donne che hanno già partorito.

Le donne più giovani tendono ad avere un rischio maggiore di mal di schiena.

Le donne che hanno sofferto di dolore pelvico durante una precedente gravidanza riferiscono una ricaduta dell'85% durante una gravidanza successiva.

È stato riscontrato che le donne che soffrono di dolore pelvico durante la gravidanza hanno un'altezza e un peso normali e un aumento di peso normale durante la gravidanza; tuttavia, è stato riportato che l'indice di massa corporea è aumentato significativamente tra le prime settimane nelle donne in gravidanza con lombalgia.


Che cosa causa il mal di schiena in gravidanza?

Sebbene il mal di schiena durante la gravidanza e il dolore pelvico siano una complicanza più comune della gravidanza, la sua causa è sconosciuta e il meccanismo è poco conosciuto. Alcuni modelli propongono come cause principali un aumento del carico spinale e una diminuzione della stabilità nella cintura pelvica. È stato riscontrato che aumenti del diametro addominale, del peso fetale e della disfunzione muscolare sono associati a dolore lombare e pelvico durante la gravidanza.


È stato anche descritto un aumento generale della mobilità delle articolazioni durante la gravidanza. Sono stati fatti diversi tentativi per indagare la causa dell'aumentata mobilità articolare durante la gravidanza; è stato riportato che l'ormone relaxina è associato al dolore pelvico durante la gravidanza. È stato riscontrato che gli ormoni riproduttivi e il procollagene nel siero sono associati al dolore pelvico durante la gravidanza avanzata.

In alcuni studi è stata anche studiata la contraccezione orale in relazione alla lombalgia e al dolore pelvico durante la gravidanza con risultati contraddittori e il suo uso è stato segnalato per influenzare il metabolismo del collagene.


Alcuni autori considerano il mal di schiena e il dolore pelvico una condizione normale della gravidanza. I sintomi possono variare notevolmente e le donne sono colpite in misura diversa. Tuttavia, in riferimento alle attuali conoscenze scientifiche, questa condizione dovrebbe essere considerata una complicanza della gravidanza per le donne. Per una piccola percentuale delle donne colpite, i sintomi non regrediranno e, invece, la condizione può progredire in lombalgia cronica e dolore pelvico dopo la gravidanza.


  • Secondo uno studio del 2005 sulla rivista Spine , la lombalgia o il dolore pelvico durante la gravidanza è stata definita come dolore ricorrente o continuo per più di 1 settimana dalla colonna lombare o dal bacino durante la gravidanza effettiva.

In letteratura non esiste una classificazione uniforme della lombalgia e del dolore pelvico durante la gravidanza. La lombalgia è comunemente definita come dolore riferito all'area tra la dodicesima costola e le pieghe glutee. Questa area anatomica comprende anche le articolazioni sacroiliache , che probabilmente possono essere considerate come entità funzionale separata nella fisiopatologia del dolore pelvico. Altri termini utilizzati sono dolore pelvico posteriore, dolore pelvico, rilassamento della cintura pelvica e instabilità dell'articolazione pelvica.

I cambiamenti relativi al mal di schiena sono spesso sollecitazioni meccaniche dell'utero e della lordosi lombare compensativa (aumento della curva).

L'aumento di peso insieme alla lassità dei legamenti può ostacolare la normale funzione anatomica, biomeccanica e l'attivazione del core. L'aumento del carico risultante è spesso concentrato sui dischi lombari e sui muscoli viene esercitata una maggiore tensione della schiena.

  • Uno studio del 2019 sulla biomeccanica clinica ha rilevato che il movimento dalla posizione eretta alla posizione seduta è complicato da un aumento della curvatura o lordosi della colonna lombare durante la postura eretta iniziale. Questa verrebbe definita "lordosi gestazionale" e limita il movimento delle anche. Spostare il movimento lontano dai fianchi e verso la parte superiore del corpo aiuta a spiegare l'aumento del dolore alla schiena e il tasso di caduta quando si passa dalla posizione eretta alla posizione seduta.



Le donne incinte sono a maggior rischio di ernia del disco?

  • A volte c'è anche un ernia che provoca una sciatalgia , tuttavia, di solito il dolore è dovuto a una neuropatia da compressione da parte dell'utero. In particolare, un rapporto del 2008 sulla rivista Analgesia & Anasthesia indica che le donne incinte hanno un'incidenza di un'ernia del disco lombare di 1 su 10.000, che NON è aumentata rispetto alla popolazione generale.

Quali sono i fattori di rischio per il mal di schiena in gravidanza?

L'anamnesi di precedenti lombalgie e dolore pelvico durante la gravidanza è stata associata a recidiva di lombalgia e dolore pelvico.

È stato riscontrato che le giovani donne hanno più dolore rispetto alle donne anziane; tuttavia, in altri studi l'età materna non era associata al livello di dolore o alla prevalenza di lombalgia e dolore pelvico durante la gravidanza.

È stato dimostrato che una gravidanza prolungata è significativamente associata a lombalgia e dolore pelvico; tuttavia, l'età gestazionale di per sé non era correlata alla lombalgia e al dolore pelvico, e la prevalenza a termine era inferiore alla prevalenza a termine.


Le donne che sviluppavano lombalgia e dolore pelvico pesavano molto di più e avevano un indice di massa corporea significativamente più alto.


La prevalenza di ipermobilità tra le donne con dolore pelvico è stata stimata tra il 12,8% e il 17,3%. L'ipermobilità diagnosticata o una storia familiare di ipermobilità era associata a un aumentato rischio di lombalgia e dolore pelvico. Ciò indica l'importanza dell'ipermobilità come fattore che contribuisce durante la gravidanza.


Una storia familiare di lombalgia e dolore pelvico è associata ad un aumentato rischio di lombalgia e dolore pelvico. Questa associazione può corrispondere a fattori ereditari e / e legati allo stile di vita.

Secondo lo studio del 2005 che ho citato prima sulla colonna vertebrale ha indicato che la maggior parte delle donne in gravidanza riferisce dolore lombare e pelvico. Una storia con una precedente lombalgia e dolore pelvico, un indice di massa corporea elevato, una storia di ipermobilità e amenorrea sono fattori che influenzano il rischio di sviluppare lombalgia e dolore pelvico.


L'elevata prevalenza di lombalgia e dolore pelvico durante la gravidanza ne fa un importante problema di salute pubblica e dovrebbero essere compiuti sforzi per promuovere studi causali con l'obiettivo futuro di prevenzione e terapia della lombalgia e del dolore pelvico.


Uno studio del 2019 pubblicato sul British Journal of Neurosurgery ha trovato un'associazione tra la degenerazione spinale e il numero di figli nelle giovani donne. Le donne che hanno dato alla luce un solo bambino erano a rischio più elevato. Il tipo più significativo di condizione degenerativa erano i nodi di Schmorl . Un altro fattore correlato era la discopatia. Sembra che avere più figli protegga dalla degenerazione spinale rispetto a uno solo.


Consigli da Amazon:











Cosa aiuta?

  • Secondo un altro studio del 2005 su Spine ,sono utili sia gli esercizi che un cintura di supporto pelvica non elastica situata appena sopra i fianchi con l'obiettivo di migliorare la stabilità.


  • Uno studio del 2019 nel Journal of Gynecology Obstetrics and Human Reproduction, conclude che i cambiamenti legati alla gravidanza nella lassità dei legamenti sono associati a vari disturbi come il mal di schiena o disturbi del pavimento pelvico. Gli autori indicano che questa lassità raggiunge il suo massimo nel secondo trimestre, indicando un lasso di tempo in cui considerare l'utilizzo di un corsetto apposito.


  • È forse impossibile che non si ottenga alcun beneficio dagli esercizi di stabilizzazione dei muscoli intorno alla cintura pelvica questo può avvenire perché durante la gravidanza a causa di molti cambiamenti naturali nel corpo e del tempo limitato che le gestanti dedicano all'esercizio.


  • In uno studio del 1994 sulla colonna vertebrale , è stato dimostrato che la riduzione del dolore pelvico posteriore mediante una cintura di supporto pelvica è stata sperimentata dall'82% delle donne con dolore pelvico posteriore.


  • Uno studio del 2007 sull'International Journal of Nursing Studies afferma che: "La promozione di una buona postura e un regolare esercizio fisico possono essere raccomandati come metodo per alleviare il mal di schiena nelle donne in gravidanza". In questo studio è in oltre consigliato di rimanere attivi entro i limiti concessi dalla maternità e l'utilizzo di cuscini per il corpo per fornire un supporto posturale durante il sonno. In commercio ci sono anche cuscini per le gambe e cuscini per le ginocchia che aiutano con l'allineamento posturale e alleviano la tensione alla schiena.


  • Uno studio del 2020 su Gait & Posture ha rilevato che le donne incinte nel terzo trimestre fanno meno passi e camminano a un ritmo più lento rispetto al secondo trimestre e alle 12 settimane dopo il parto, indicando che il livello totale e l'intensità dell'attività fisica sono alterati durante la gravidanza.


  • Uno studio del 2009 sulla rivista Applied Ergonomics . mettere in relazione la gravidanza e la lombalgia nelle donne che lavorano indica che la permanenza in una "area ristretta" e "lo spazio limitato" erano correlate con la gravità del mal di schiena a 34 settimane di gravidanza. Lo studio suggerisce che consentire alle donne incinte di fare più pause di riposo e di avere una maggiore autonomia lavorativa può ridurre la gravità del mal di schiena durante le prime fasi della gravidanza e che consentire il movimento al di fuori dell'area di lavoro e fornire uno spazio meno limitato può ridurre il mal di schiena della gravidanza durante la gravidanza avanzata.



Strategie educative

Per ridurre il mal di schiena e avre un effetto positivo nelle 24 ore dovrebbero sempre essere insegnate strategie educative, come l' ergonomia , l' apprendimento di una corretta postura per ridurre lo stress sulla colonna vertebrale.


Il riposo programmato durante il giorno è utile per alleviare gli spasmi muscolari e il dolore più acuto. Entrambi i piedi dovrebbero essere sollevati al fine di flette le anche e aiutare a ridurre la lordosi lombare.

  • Le prove delineate in una revisione completa del 2007 nelle cliniche di medicina fisica e riabilitazione del Nord America indicano che la maggior parte dei pazienti risponde positivamente alle modifiche posturali e dell'attività.

Se queste misure per il mal di schiena correlato alla gravidanza non sono sufficienti, gli studi indicano che le donne incinte con dolore lombare che partecipano anche a un protocollo di esercizi hanno meno dolore, meno disabilità e una migliore qualità della vita.

La terapia spesso include tecniche di stretching, rinforzo, esercizi di attivazione muscolare e auto-mobilizzazione.


Nota dei medici :

  • Un revisione sistematica del 2008 nel Journal of Manipulative & Physiological Therapeutics indica che le manipolazioni hanno una certa efficacia, di solito è efficace anche un approccio di mobilizzazione / adattamento da seduti. Per i casi più complicati è utile un lettino di flessione-distrazione.


  • Uno studio del 2019 sul Nordic Journal of Psychiatry indica che il disagio fisico all'inizio della gravidanza, come il dolore alla schiena o al bacino, è un rischio per i sintomi depressivi postpartum.

La gravidanza può essere un momento difficile in cui avere dolore in quanto il dolore è un fattore causale di una maggiore vulnerabilità psicologica che si traduce in depressione postpartum, tuttavia, il trattamento precoce e l'educazione dovrebbero essere indicati per aiutare ad alleviare l'ansia e il disagio. La consulenza professionale dovrebbe essere sempre considerata in accordo con i sintomi, la risposta al trattamento e i risultati di eventuali questionari di valutazione appropriati.

  • Uno studio del 2020 su BMC Pregnancy & Childbirth riguardante i disturbi del sonno e l'inizio della gravidanza (da 5 a 16 settimane) ha concluso che è comune e dovuto a sintomi sia fisici che mentali. Si raccomanda di affrontare sia la depressione che l'umore in relazione ai problemi del sonno durante la gravidanza.

Almeno uno dei seguenti problemi è stato segnalato dal 38% delle donne incinta:

impiegare molto tempo per addormentarsi (23%)

svegliarsi troppo presto (47%)

restare sveglio la maggior parte della notte (14%).


Questi problemi sono stati segnalati con un grado di entità moderato o grave dal 21% delle partecipanti allo studio e e sono stati associati a sintomi fisici correlati alla gravidanza, come mal di schiena e dolore alla cintura / cavità pelvica.

Solo l'associazione con il dolore alla cavità pelvica è rimasta significativa dopo la risoluzione della depressione.

Una meta-analisi del 2019 in JAMA Network Open ha rilevato che le donne che nel terzo trimestre dormono sulla schiena (posizione supina) erano associate ad un peso alla nascita ridotto in percentile . Gli autori indicano: "Le campagne di salute pubblica che incoraggiano le donne nel terzo trimestre di gravidanza a dormire di lato possono migliorare il peso alla nascita".

Quindi, usare dei buoni cuscini per il corpo e / o cuscini per dormire è un metodo consigliato per aiutare le donne in gravidanza ad avere una posizione per la notte laterale confortevole, ed è una buona scelta nei confronti del tuo bambino soprattutto dopo 28 settimane di gravidanza.

  • Uno studio pubblicato nel 2020 su Gait & Posture ha rilevato un minore utilizzo del muscolo gluteo massimo durante il secondo trimestre e dopo il parto. Poiché questo muscolo contribuisce alla stabilità dinamica della parte bassa della schiena e del bacino, il disuso e l'aumento dei carichi articolari possono contribuire al dolore durante e dopo la gravidanza.

Fortunatamente, ci sono molti modi per aumentare la forza e l'attivazione di questo muscolo.


Consigli da Amazon:






133 visualizzazioni0 commenti