top of page

I trigger point del muscolo SCOM possono dare mal di testa?

Il mal di testa colpisce fino al 66% della popolazione generale e ha un impatto negativo sulla qualità della vita e sulla produttività del lavoro. La cefalea cervicogenica (CeH) è uno dei tipi più comuni di mal di testa, che colpisce dallo 0,4% al 15% della popolazione.


Questa patologia è stata descritta per la prima volta da Sjaastad et al. nel 1983 e riconosciuta dall'International Headache Society come una cefalea secondaria derivante da disturbi muscoloscheletrici nella colonna cervicale. La base fisiologica del mal di testa cervicogenico è la complicata convergenza di afferenze cervicali con afferenze trigeminali nel complesso trigeminocervicale.


I trigger point miofasciali (MTrP) nel muscolo sternocleidomastoideo sono un'importante causa di cefalea cervicogenica . La compressione ischemica, che consiste nell'applicare pressione sui trigger points fino al livello massimo tollerabile, è una delle tecniche suggerite utilizzate frequentemente nella gestione dei trigger points ma possono essere utilizzate anche altre tecniche meno dolorose con pari efficia.

Gli studi hanno trovato una forte evidenza per l'effetto della compressione ischemica sulla gestione dei trigger points miofasciali. Recentemente, l'ecografia diagnostica è stata utilizzata per la visualizzazione dei trigger points, specialmente se combinata con l'esame fisico. La fisioterapia può essere efficace per la gestione di pazienti che soffrono di cefalea, compreso il mal di testa di origine cervicogenica.

286 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page