5 cose che non sai sulla Fascia (sistema fasciale)


1. La fascia è un sistema fluido tensionale

è difficile immaginare come una struttura di supporto possa anche essere una struttura fluida ma la fascia affascina anche per questo. La migliore analogia che posso fare è quella di una spugna.

Quando una spugna si asciuga diventa fragile e dura . Può essere facilmente rotta con solo un po 'di forza soprattuto se è diventata molto"croccante". Tuttavia, quando una spugna è bagnata e ben idratata, diventa elastica e resistente. Puoi schiacciarla fino a farla diventare una piccola palla e appena la lascia ritorna indietro alla sua forma originale. Puoi strizzarla e torcerla, piegarla, ma è difficile da rompere.

Una volta capito questo, mantenere la nostra fascia idratata assume più importanza. La nostra mobilità, integrità e resilienza sono determinate in gran parte dall'idratazione della nostra fascia. In effetti, ciò che chiamiamo "allungamento di un muscolo" sono in realtà le fibre del tessuto connettivo (collagene) che scivolano l'una sull'altra sulle proteine ​​mucose chiamate glicosaminoglicani (GAG in breve).


I GAG, a seconda della loro chimica, possono incollare gli strati insieme quando l'acqua è assente o consentire loro di scivolare l'uno sull'altro quando sono idratati. Questo è uno dei motivi per cui la maggior parte delle lesioni sono fasciali. Se ci "secchiamo" siamo più fragili e corriamo un rischio molto maggiore di lesione.

Quindi bevi più acqua , giusto? Ebbene sì e no. Rimanere idratati bevendo continua ad essere importante, ma se hai una fascia disidratata è più come se avessi questi piccoli nodi nei tuoi "tubi" (microvacuoli), e quindi tutta l'acqua che bevi non può effettivamente raggiungere il tessuto disidratato e viene espulsa (urinata), non avendo mai raggiunto il tessuto croccante.

Per essere in grado di ottenere il fluido a tutti i vostri angoli e fessure importanti è necessario prima ottenere una migliore irrigata (tramite i microvacuoli. E per farlo è spessp necessario effettuare un lavoro sui tessuti molli per di districare quei punti.

Vedere un fisioterapista specializzato nel trattameto miofasciale ti potrà aiutare ma poi dovrai anche lavorarci a casa con degli esercizi specifici di release sulla tua fascia.


2. Variare spesso i movimenti è fondamentale

Il movimento porta anche l'idratazione al tessuto, ma quel movimento deve essere vario. Ciò significa variazione non solo dei movimenti stessi, ma anche variazione del tempo

Non solo muoverti costantemente negli stessi modi e sugli stessi piani ti mette a ulteriore rischio di erosione articolare (osteoartrite ecc), ma stai anche disidratando la fascia secondo uno schema particolare, rendendo quel tessuto "secco" e fragile.

Come dice Tom Myers, educatore fasciale e creatore di Anatomy Trains:

“Il riposo è il modo in cui i tessuti si reidratano. Quando fai un esercizio pesante, stai spingendo l'acqua fuori dal tessuto nello stesso modo in cui se cammini su una spiaggia bagnata spingi l'acqua fuori dalla sabbia e quando sollevi il piede l'acqua filtra di nuovo in quella sabbia. Stai facendo la stessa cosa con i tessuti, quando ti alleni stai facendo uscire l'acqua dal tessuto mentre lavori ... Il ritmo dovrebbe includere un po 'di riposo ... Quando ti allenti dei tessuti, come una spugna aspetteranno quell'acqua e saranno pronti per più esercizio. "

Questo è certamente un buon argomento per il lavoro di fitness funzionale che prende ispirazione, saggiamente, dai movimenti costantemente variabili dei nostri antenati, e fa luce anche sui benefici di un buon programma di allenamento ad intervalli ad alta intensità (HIIT).


3. Il nostro corpo è davvero tutto connesso?


A causa del modo in cui tutti impariamo e studiamo l'anatomia , concepiamo i vari pezzi del corpo umano come "attaccati"tra loro da un "nastro adesivo" creato dai tessuti molli.


In anatomia si descrivono tutti i muscoli come aventi un'origine e un'inserzione. Quindi, ad esempio, il muscolo gastrocnemio (il nostro muscolo del polpaccio più superficiale) ha origine sui condili laterali e mediali dell'osso del femore (coscia) e si inserisce sul calcagno (ossa del tallone), attraverso il tendine di Achille. Sembra che sia fissato con nastro adesivo o pinzato per essere "attaccato" all'origine e ai punti di inserimento - come se fosse questa cosa separata che rimane attaccata ad altre cose separate.

Una descrizione più chiara e fedele all'anatomia umana sarebbe che il gastrocnemio diventa il tendine di Achille (tessendo più densamente fino a quando il muscolo diventa tendine) e che poi diventa l'osso calcagno (tessendo più densamente fino a quando il tendine diventa osso).

Questo concetto è importante perché ci dà una comprensione più pratica di come semplicemente non possa accadere qualcosa a una "parte" del tuo corpo e non farlo influenzare ogni altra "parte" del tuo corpo, anche se con vari gradi di intensità. Spesso quando si parla di fascia si fa l'esempio della sensazione di quando si indossa un maglione o una maglia stretta.

Se tiri un'estremità di quel maglione senti tensione anche a lunga distanza verso le altre èarti del tuo corpo e per tutta la grandezza del maglione. Per gli atleti, questo porta il temuto effetto domino in una prospettiva più chiara.

Molti di voi hanno sperimentato l'effetto domino senza conoscerne il nome. Vi faccio un esempio: il tuo collo ha un trauma in un colpo di frusta in quel piccolissimo incidente d'auto senza grossi problemi che hai avuto quando avevi sedici anni.

Ma hai sedici anni, quindi niente di grave. Lo ignori e migliora. Ma una volta entrato all'università, all'improvviso hai questo fastidioso dolore alla spalla con tutto lo studio che stai facendo e le ore seduto pensi che sia normale. Con il passare degli anni inizi a vederti come la persona con le "spalle cruve", e talvolta provi un dolore acuto quando sollevi il braccio.

Passano più anni e ora non sei solo una "persona con le spalle curve", ma soffri anche di spasmi lombari occasionali e hai sviluppato la fascite plantare , che presumi dipenda del fatto che sei un corridore e tutti dicono che correre fa male per te. Potrei andare avanti, e questo è solo un rapido esempio di un tipo di effetto domino.

La cosa che questa persona sta vivendo è in realtà il lungo, lento drenaggio di un modello compensatorio non affrontato su un corpo, ma nella nostra cultura lo chiamiamo "solo invecchiare". Il modo migliore per evitare l'effetto domino è mantenere sana la fascia in modo che non diventi come quel "maglione" o quella spugna secca di cui ti ho parlato prima e si è quindi sia molto meno a rischio di sviluppare un pattern compensatorio o traumi.

4. La sua elasticità serve per aiutarti?

Quando il tuo tessuto mantiene (o riacquista) la sua naturale elasticità ottieni un effetto "molla" di rimbalzo della fascia che ti consente di utilizzare meno forza muscolare, e quindi di affaticare i tuoi muscoli meno rapidamente. Vuoi saltare più in alto, correre più velocemente e lanciare più lontano? Dovrai prestare attenzione a nutrire la qualità elastica della tua fascia.

Ad esempio, quando corri con una fascia sana, la forza che trasmetti al suolo ti viene restituita attraverso l'intera rete tensionale della fascia. È come se avessi un trampolino sotto i piedi.

Quindi, una volta che hai fatto il lavoro per reidratare i tuoi tessuti, ti consiglio di effettuare dei i movimenti " rimbalzanti". Alcuni buoni esempi di come puoi giocare al meglio con questo sono la corsa , il salto con la corda, i salti su un box ecc..

5. La fascia è l'organo sensoriale più grande e ricco del corpo

Questa scoperta della recente ricerca fasciale è stato uno shock.

é stato scoperto che la fascia è uno dei nostri organi sensoriali più ricchi con una quantità da sei a dieci volte maggiore di recettori nervosi sensoriali rispetto ai muscoli.

In effetti, è possibile che la fascia possa essere uguale o superiore alla retina, che finora è stata considerata l'organo sensoriale umano più ricco.

Questo rende la tua fascia un sistema di propriocezione, cioè in grado di sapere ed informare le altre strutture di dove si trova il tuo corpo nello spazio, ma anche in grado di orchestrare il movimento per tutto il corpo . Pertanto, una fascia ben idratata ed elastica è fondamentale per mantenere le tue impostazioni naturali per l'allineamento e il moviento.

E il mantenimento di quelle impostazioni naturali eviterà che i piccoli problemi si trasformino in problemi più grandi, eviterà che gli infortuni diventino problemi cronici che divampano dentro e fuori dalla vita e ti manterrà mobile e funzionale più a lungo per tutta la vita.



149 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti