Trattamento della scoliosi idiopatica dell'adolescente con metodo Rovatti

Aggiornamento: 24 feb 2021

Il Metodo Rovatti® è il risultato di oltre 40 anni di esperienza nel trattamento di pazienti con scoliosi, è un metodo che è stato messo a punto da Emanuele Rovatti, con il quale ho la fortuna di collaborare da più di 10 anni.

E un Metodo innovativo che si basa sull'utilizzo delle bande elastiche applicandole sul torace scoliotico come se fossero le mani del terapista. Le bande elastiche messe in modo sapiente sono in grado di “plasmare” correttamente il rachide dorsale, aiutando il paziente a percepire le correzioni posturali che a differenza di altri metodi avvengono sulle 3 dimensioni in tutti e tre i piani dello spazio.

Il percorso terapeutico, prevede una partecipazione attiva del paziente e avviene attraverso la presa di coscienza dei difetti, la ricerca progressiva delle correzioni, la presa di coscienza del grado di correzione, la ripetizione del gesto fino alla sua interiorizzazione.


Il paziente costruisce nel tempo una sorta di “corsetto neuromuscolare” per stabilizzare la propria colonna vertebrale e acquisisce automatismi riflessi di autocorrezione che verranno poi integrati nella quotidianità, nelle posture e nei movimenti giornalieri.

“Dalla correzione all’autocorrezione”


Sotto la costante sorveglianza del terapeuta il paziente diventa progressivamente protagonista del proprio percorso correttivo.


Gli esercizi che abbiamo messo a punto sono centinaia, questo permette di effettuare un trattamento personalizzato e specifico per ogni paziente.

Gli esercizi vengono proposti ai pazienti dopo un'attenta valutazione posturale e funzionale basata anche sulle immagini radiografiche, a seconda del quadro clinico e della situazione personale viene definito un progetto terapeutico con un programma di esercizi personalizzati, dai più semplici a quelli che richiedono via via maggior consapevolezza e dimestichezza e presa di coscienza.

Il metodo consente di trattare le scoliosi in piccoli gruppi, superando la necessità del trattamento tradizionale vis-a-vis terapista-paziente. Ciò porta numerosi vantaggi:

• La condivisione delle problematiche, delle esperienze, dei risultati: un aspetto fondamentale per i giovani e giovanissimi pazienti che si trovano di fronte a grosse difficoltà anche di ordine psicologico ad accettare protocolli correttivi lunghi e difficili da accettare (quando c’è indicazione dello specialista al corsetto ortopedico).

• Vantaggio economico, per le famiglie che si trovano nell’esigenza di seguire percorsi correttivi di lunga durata (di solito tutti gli anni della crescita, fino alla maturità scheletrica).














88 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti